ASSEMBLEA AZIONISTI A.S. ROMA – 24 giugno 2019

ORDINE DEL GIORNO:

Parte ordinaria: 

  • nomina di un componente del Consiglio di Amministrazione in sostituzione del consigliere dimissionario; deliberazioni inerenti e conseguenti;

Parte straordinaria: 

  • proposta di eliminazione dell’indicazione del valore nominale delle azioni ordinarie A.S. Roma S.p.A. e conseguente modifica dell’articolo 5 dello Statuto Sociale; deliberazioni inerenti e conseguenti;
  • provvedimenti ai sensi dell’art. 2446 cod. civ.: riduzione del capitale sociale per perdite e conseguente modifica e aggiornamento dell’articolo 5 dello Statuto Sociale; delibere inerenti e conseguenti. Capitale sociale e diritti di voto Il capitale sociale sottoscritto e versato è pari ad Euro 94.332.348,00 rappresentato da n. 628.882.320 azioni ordinarie del valore di Euro 0,15 ciascuna. Ogni azione dà diritto ad un voto.

Cosa è successo in Assemblea

15.15 – L’Assemblea ha inizio.

Consiglieri presenti per rispondere alle domande degli azionisti:

Vice Presidente Mauro Baldissoni, il CEO Guido FiengaGianluca Cambareri e Benedetta Navarra.

15.18 – Presenti 27 aventi diritti al voto. Si inizia con il primo punto di parte ordinaria, la nomina di Gregory Scott Martin al posto del dimissionario Stanley Gold.

15.21Mauro Baldissoni, spiegando le modalità di svolgimento dell’assemblea, puntualizza:

Cogliamo l’occasione per ricordare che UniCredit non vanta crediti societari sulla Roma. Lo ripetiamo almeno da 5 anni, ma ogni tanto ci tocca leggere queste cose”

15.33 – Intervento dell’azionista Fabio Palma:

Il nostro presidente non se fa vede’ mai, nemmeno oggi… Ora a Boston è ora di colazione, poteva mandarci un saluto in vestaglia e pigiama in conference call. Questa società spende tanto in comunicazione ma non si impara mai dagli errori commessi in passato… Adesso a cosa ci serve un nuovo consigliere d’amministrazione? Quello vecchio si era mai visto? A cosa serve? A riempire la società di amici del presidente?!  So che non dovrei dire certe cose, ma adesso bisognerebbe preoccuparsi di problematiche ben più serie”.

15.43 – Intervento dell’azionista Mario Staderini:

Vorrei capire quanto spende la società per la parte sportiva e invece quanto si spende per dipendenti e attività non legati alla parte sportiva. Inoltre vorrei chiedere che incarico ha Franco Baldini e da chi e per quanto viene stipendiato. In che modo i consigli di Baldini vengono comunicati ai dirigenti della Roma? Vi parla direttamente o Pallotta vi fa da tramite? Qual è la cifra di ricavi della Soccer Sas, che gestisce i diritti visivi della A.S. Roma e quanti di questi ricavi vengono investiti nella parte sportiva? Che politica si attuerà rispetto alla vendita delle maglie di Totti? Verranno vendute maglie di Baldini? Vorrei anche alcuni chiarimenti rispetto alla cessione di due giovani della Primavera al Torino per far arrivare il ds Petrachi. Sullo stadio: state valutando qualche sito alternativo a Tor di Valle? Ci confermate che anche per Fiumicino si tratta di terreni privati per cui servirebbe comunque l’approvazione della variante urbanistica? Io ho visto un’idea progettuale, in quattro anni sarebbe possibile giocare una partita, mi metto a disposizione per mettervi in contatto con l’ingegnere che potrebbe realizzarlo. In maniera gratuita, perché sono un tifoso della Roma. Vorrei sapere inoltre se è vero che si è realmente sondato il terreno per l’operazione di acquisizione della maggioranza societaria da parte del Qatar? Da allora le cose sono andate avanti? E’ vero che QSI ha espresso riserve e preoccupazioni sul progetto Stadio. Chiudo infine riguardo Pallotta: l’ultimo giorno che è stato in Italia era lo scorso anno quando sono scattate le inchieste?. Perché Pallotta non viene in Italia da più di un anno? Perché vengono fatte a Londra? Quanto costano le trasferte per queste riunioni?”

15.49 – Riprende la parola l’azionista Fabio Palma:

Mi domando: che previsioni avete per l’ultimo trimestre? Finora si è parlato di dati che si fermano al 31 marzo, così ci lasciate come un’anatra zoppa… Cosa succederà dopo? Che progetti avete per il futuro? Riuscirete ad abbassare il monte ingaggi? Vogliamo continuare a prendere giocatori costosi, giudicati forti forse soltanto in base al valore del loro cartellino? Chi ha dato tutta quella libertà a Monchi? Il favore ai qatarioti lo abbiamo fatto noi, andando a prendere Pastore… Continuiamo, per quanto riguarda le sponsorizzazioni, a vivere di piccole sponsorizzazioni rispetto alle big europee. Cosa succederà in futuro?  Se non abbiamo i soldi per fare concorrenza al  Real Madrid, forse dovremmo cercare di lavorarci, valorizzare i giovani invece che darli via. Non avevamo un sistema infallibile per trovare giovani campioni? Invece di spendere 40 milioni per un giocatore, spendiamone 5 per 8 giocatori invece di prendere i bidoni che sono stati comprati…”

15.50 – Pausa prima delle risposte dei consiglieri

16.25 – Riprendono i lavori.

16.37 – Al primo intervento dell’azionista Fabio Palma replica il vicepresidente Mauro Baldissoni:

Riguardo l’utilità del nuovo consigliere: Stanley Gold (ex consigliere) ha partecipato al 71% delle assemblee, lo stesso avverrà con il suo sostituto Martin. Essendo consigliere la sua presenza costante a Trigoria non è necessaria. Sugli sponsor, che ci vedono ‘piccoli’: con gli sponsor sulle maglie da gioco e da allenamento il valore della maglia in Italia è secondo solo alla Juventus. Tutto ciò nulla ha a che vedere con il calciomercato, quindi non ha nulla che vedere con Pastore e ad un presunto favore fatto a Qatar Airways (come aveva supposto Palma). Il costo del personale non sportivo è del 9% del costo generale sportivo. Riguardo il merchandising legato a Totti: non esistono le maglie di Totti, esistono le maglie personalizzate con il nome che si preferisce. La quota di vendita è quella che si calcola sullo storico delle vendite delle maglie della Roma, come ogni anno. Lo stadio? Siamo in un’assemblea della A.S. Roma, io mi occupo dello stadio perché nella legge sugli stadi è richiesta come requisito la presenza di un rappresentate della società sportiva. Non c’è un tema di problematica di finanziamento per le infrastrutture o di costruzione, non è un tema oggetto di discussione. Sul progetto alternativo a Fiumicino: è senz’altro opportuno per gli investitori valutare proposte alternative per salvaguardare gli investimenti già effettuati, nell’eventualità, oggi non attesa, in cui dovesse esserci un esito negativo con il Comune di Roma. Riguardo l’interesse del Qatar Sports Investment, si tratta di voci assolutamente false, non c’è alcun elemento di alcun tipo. Pallotta si reca spesso a Londra perché la Roma ha un ufficio ricavi che si trova lì, non è un caso che si fermi a Londra per fare riunioni. Sulla seconda squadra, la Roma segue la situazione, ma fino ad ora non sono state riscontrate le condizioni per aderire e perseguire questo progetto. Non siamo gli unici a non aver riscontrato le condizioni. Nel frattempo inizieremo un progetto con l’Under 18 per proseguire il progetto di crescita dei giovani, a cui la società dà molta attenzione

16.45 – Intervento di Guido Fienga:

Cosa aspettarsi per il prossimo trimestre? I dati saranno in linea con quelli del trimestre precedente. Al termine dell’anno subentrano le operazioni di cessione che genereranno dei ricavi di cessione asset. La cessione degli asset viene messa in pratica soltanto se si verificano le condizioni necessarie per cedere un asset che non viene utilizzato e da cui si può trarne vantaggio. Riguardo il costo generale della squadra, ,come ha ammesso lo stesso Pallotta, sono stati commessi degli errori, il costo è aumentato ma non il livello di competitività. Stiamo lavorando per riequilibrare i costi compatibilmente con le ambizioni sportive che restano molto alteBaldini? E’ un consigliere dell’azionista di maggioranza. Non ha alcun ruolo nella governance della società. Il management della società è il soggetto collettivo che elabora le strategie e ne determina le scelte. Molti investitori come Pallotta si avvalgono del parere di esperti: Baldini evidentemente è uno di questi. L’azionista di maggioranza fa quello che gli americani chiamano ‘challenge’: la verifica delle proposte che arrivano dalla società con i suoi consulenti. Da quanto posso testimoniare dico questo: dal momento della scelta del sostituto di Di Francesco, alla scelta del nuovo tecnico, è avvenuto tutto con un possesso decisionale finalizzato dal management della società”

16.50 – Replica dell’azionista Fabio Palma:

Abbiamo avuto esperienze drammatiche e si è sviluppata un’ondata di panico mondiale, ci guardano sempre per cose poco interessanti. Ci piacerebbe che si interessassero per cose belle. Mi piacerebbe competere con dignità e orgoglio, parola che è circolata poco tra i suoi giocatori e staff tecnico. Bisognerebbe puntare su questo, su una maggiore voglia di affermarsi, mettendo da parte individualismi. Con un po’ di disciplina? Fienga, si fa carico lei di riportare ordine? I giocatori sono arroganti e egoisti, la cosa peggiore. Voglio ringraziare il settore giovanile della Roma, che si è ben comportato ed ha vinto un titolo ed una Supercoppa”. 

16.57 – Risponde Guido Fienga:

“Sui giovani che stanno andando al Torino: si pensa che siano legati al ds che probabilmente arriverà. Negli ultimi 5 anni sono andati 5 giocatori del settore giovanile a giocare nel Torino. La dinamica è che i giovani quando percepiscono di non trovare spazio, vanno altrove. La Roma è una delle società più ambite, con un livello di competizione molto alto per il settore giovanile: questa società non lascia partire i giocatori che pensa di voler tenere. Il consulente Baldini è pagato dall’azionista, quindi da A.S. Roma Spv Llc, è un consulente di questa società. L’ufficio di Londra ha un gruppo molto ristretto di professionisti molto esperti. I frutti di questo lavoro si sono visti: abbiamo uno sponsor che in Serie A ci ha portato ai vertici, siamo secondi solo alla Juventus nei ricavi da sponsorizzazioni. Ora stanno cercando altri sponsor”

17.01 – Termina la discussione, si passa alle deliberazioni sull’ordine del giorno.

17.05 – Approvata la delibera del primo punto all’ordine del giorno: Scott Martin eletto nel CdA di A.S. Roma in sostituzione del consigliere Stanley Gold.

17.14 – Approvato anche il secondo punto dell’OdG – la proposta di eliminazione dell’indicazione del valore nominale delle azioni ordinarie A.S. Roma S.p.A. e conseguente modifica dell’articolo 5 dello Statuto Sociale

17.25 – Approvato anche il terzo e ultimo punto – provvedimenti ai sensi dell’art. 2446 cod. civ.: riduzione del capitale sociale per perdite e conseguente modifica e aggiornamento dell’articolo 5 dello Statuto Sociale. Capitale sociale e diritti di voto Il capitale sociale sottoscritto e versato è pari ad Euro 94.332.348,00 rappresentato da n. 628.882.320 azioni ordinarie del valore di Euro 0,15 ciascuna

L’Assemblea si è conclusa.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi